L’uomo di Neandertal non è mai scomparso: vive in noi

300.000 anni di storia raccontano come l’uomo di Neanderthal, che ha vissuto nel nostro continente almeno fino a 38.000 anni fa, non sia mai scomparso del tutto e viva ancora oggi nel Dna di ciascuno di noi.
Il che fa sì che noi europei siamo, almeno un po’, i diretti discendenti di Neanderthal.

La paleoantropologa Silvana Condemi e il giornalista scientifico François Savatier, grazie al gran numero di fossili rinvenuti in un secolo e mezzo di scavi e grazie alle nuove tecniche di studio, presentano le loro scoperte in un libro dal titolo significativo: “Mio caro Neanderthal. Trecentomila anni di storia dei nostri fratelli”.
Presentazione del libro:
Condividi